Innovazione come elemento trainante per un’economia sostenibile

Di Ernst A. Brugger, 19.06.2015

Ernst A. Brugger

Ernst A. Brugger: Fondatore e presidente del consiglio di amministrazione di BHP – Brugger und Partner AG; presidente del consiglio di amministrazione di BlueOrchard SA, Lausanne Hospitality Consulting, Precious Woods Holding, sanu future learning ag, SV Group AG; nonché membro del consiglio di amministrazione di altre società come BG Bonnard & Gardel Holding S.A. ed Energie 360°.

In tutte le classifiche mondiali l’economia svizzera figura tra le cinque migliori del mondo. La competitività e la capacità innovativa sono elevate, il mercato del lavoro funziona in modo efficiente, lo shock valutario subito di recente provoca lamentele comprensibili, ma in prevalenza genera ulteriori aumenti delle performance. E tutto questo nonostante il fatto che il nostro Paese possieda poche risorse naturali pregiate.

O sarà proprio per questo? La scarsità di risorse naturali era ed è infatti uno dei principali motori del successo svizzero, poiché ha come effetto una gestione più efficiente delle risorse. Laddove sono disponibili statistiche comparabili, l’economia svizzera è nel gruppo di testa a livello mondiale per quanto concerne l’uso efficiente dell’energia, dell’acqua e delle materie prime. Le innovazioni svizzere per materiali sostenibili, sistemi a risparmio energetico e sistemi di costruzione intelligenti conquistano i mercati di tutto il mondo. Il «cluster verde» dell’economia svizzera cresce a velocità superiore alla media con un marcato successo delle esportazioni.

Il motore principale di questa dinamica é l’interesse imprenditoriale proprio: l’uso efficiente delle risorse genera infatti una leadership dei costi, i procedimenti innovativi giustificano vantaggi concorrenziali, i prodotti e servizi sostenibili rafforzano le relazioni con i clienti e la buona immagine che ne deriva attrae i migliori specialisti e partner. Un esempio: l’SV Group, una delle imprese svizzere leader nella gastronomia per il personale, ha introdotto nel 2013 il programma «one two we» per ridurre notevolmente l’impatto ambientale nei ristoranti. A parità di gusto per i clienti, i menu sono preparati con meno prodotti importati per via aerea, meno prodotti coltivati in serre riscaldate con combustibili fossili, meno carne, un minor consumo di energia e meno rifiuti. Tutto ciò preserva il clima e l’ambiente, è sano ed è economicamente vantaggioso.

Andando al nocciolo, infatti, sostenibilità significa capacità di innovare e volontà di farlo. Questa volontà può essere stimolata creando condizioni quadro favorevoli per l’innovazione e un sistema di ricerca e formazione orientato al futuro presso le nostre università e nel sistema di formazione duale così ricco di potenziale. L’attuale discussione concernente una nuova generazione di parchi dell’innovazione in Svizzera costituisce un’enorme opportunità per processi e prodotti d’innovazione sostenibili e, di conseguenza, per aumentare la competitività della Svizzera nel contesto internazionale.

E la domanda mondiale cresce a due cifre. Particolarmente rilevante è il fabbisogno globale di soluzioni intelligenti ed efficienti nell’uso delle risorse nel settore delle infrastrutture. In Cina, India e Brasile i programmi infrastrutturali approvati hanno raggiunto cifre record: il «programma di esportazioni» cinese nel settore delle infrastrutture raggiunge per i prossimi 10 anni dimensioni mai viste finora e dovrebbe essere potenziato dalla nuova «banca mondiale» asiatica. La decisione delle autorità cinesi di adottare in più larga misura soluzioni intelligenti ed efficienti nell’uso delle risorse per gestire il rapido processo di urbanizzazione crea una forte domanda di sistemi, prodotti e servizi sostenibili.

Economia verde significa economia sostenibile e a livello internazionale cresce a velocità mai registrata prima. Le sfide diventano opportunità per le imprese con modelli operativi orientati al futuro. Un aumento della quota di mercato della Svizzera è quindi nell’interesse degli imprenditori e dell’intera economia nazionale.

Nota degli editori: I singoli interventi possono rappresentare il punto di vista personale di un autore. La gamma delle opinioni politiche si forma con il tempo e la molteplicità degli interventi. Principi redazionali

*
*
Viene pubblicato con il commento.
*
Viene pubblicato con il commento.
*
Viene pubblicata con il commento.
*
Non viene pubblicato.

* Leggete la nostra netiquette e i nostri principi redazionali. I vostri dati saranno memorizzati per 60 giorni su un server della Confederazione per consentirci di trattare le vostre opinioni.

Ultima modifica 15.09.2015

Inizio pagina

https://www.gruenewirtschaft.admin.ch/content/grwi/it/pagina_iniziale/opinioni/opinione_brugger.html