Innovazioni per il ciclo dei materiali

Ottenere prodotti da materie prime che si possono sempre riutilizzare? Si può fare, affermano i rappresentanti del movimento Cradle to Cradle. E i primi prodotti fabbricati in base a questo principio provengono dalla Svizzera. Le stoffe per fodere di Climatex sono in ciclo. L’accento è posto sul riutilizzo o sul compostaggio delle materie prime.

Di Yvonne von Hunnius, 28.10.2015

«Il miglior prodotto è quello le cui materie prime possono essere sempre riutilizzate», afferma Andreas Heydasch. Il titolare dell’azienda tessile Gessner AG ci riceve nella sua sede principale di Wädenswil seduto su una sedia per conferenze con fodera blu scuro, che non lascia intravvedere quanto sia effettivamente vicina alla visione del ciclo. La sedia è foderata con una stoffa Climatex, che per molti aspetti può essere definita un prodotto di alta tecnologia svizzera. Nell’elencarli, Heydasch ha ben chiaro qual è per lui l’aspetto prioritario: «Le nostre stoffe sono altamente funzionali». Inoltre sono climatizzanti, per cui chi vi siede sopra suda di meno, di lunga durata, resistenti al fuoco e molto altro ancora. Ciò le rende perfette per foderare divani, poltrone e sedie negli aerei o negli alberghi. «Inoltre tutti i prodotti Climatex sono certificati Cradle to Cradle, i loro componenti sono in ciclo permanente e non generano rifiuti», afferma Andreas Heydasch.


Note biografiche: Andreas Heydasch è un’economista e politologo attivo da 25 anni nell’industria tessile internazionale. Dal 2013 è direttore della Gessner AG e responsabile per la vendita, il marketing e lo sviluppo. La Gessner produce tessuti nei suoi stabilimenti sul Lago di Zurigo da quasi 175 anni, dal 2008 in particolare tessuti Climatex, che oggi costituiscono la totalità della produzione.


Documentazione dei flussi di sostanze

Tradotta letteralmente, la definizione «Cradle to Cradle» significa «dalla culla alla culla». Chi lavora secondo questo principio deve garantire che alla fine del periodo di utilizzo di un prodotto possa ricominciare tutto da capo. Affinché questo sia possibile, gli sviluppatori devono concepire i prodotti in modo intelligente sin dalle materie prime. Occorre poter scomporre i prodotti nelle loro singole componenti e queste devono essere materialmente pure per consentire un riutilizzo o un compostaggio senza perdite di qualità. Non possono essere utilizzate sostanze tossiche o componenti non separabili. Ma l’attenzione è rivolta anche alle condizioni sociali dei fornitori.

Il movimento alla base di questo principio è riconducibile agli scienziati Michael Braungart e William McDonough. In tutto il mondo sono già 3500 i prodotti certificati secondo i criteri del principio Cradle to Cradle (C2C) e 27 aziende, tra cui anche Climatex e il fabbricante svizzero di sedie per ufficio Stoll Giroflex, orientano totalmente la propria produzione secondo questo principio. Per farlo devono documentare tutti i flussi di sostanze e anche i fornitori devono partecipare.

Una sedia Cradle to Cradle.
© Stoll Giroflex

Il ruolo pionieristico di Climatex

Il primo prodotto C2C è stato un tessuto di Climatex. I primi esperimenti per una produzione di tessuti funzionali a basso tasso di rifiuti sono stati effettuati nel 1993 dall’azienda Rohner Textil situata nella Valle del Reno. Il suo direttore Albin Kälin vi intravide non solo una possibilità per condurre l’azienda fuori dalla crisi del settore tessile, ma anche di affrontare il problema dei costi per il trattamento delle acque di scarico della tintoria e di quelli per lo smaltimento dei cascami della tessitura. I nuovi prodotti ricevettero molti premi internazionali e conferirono all’azienda un’ottima reputazione. Oggi Albin Kälin è direttore dell’agenzia di consulenza svizzera EPEA, che certifica i prodotti C2C. Climatex continua a essere gestita dalla Gessner AG, un’azienda storica come l’ex casa madre Rohner. La Gessner AG festeggerà infatti nel 2016 il 175° anniversario della sua fondazione, ma a detta di Andreas Heydasch lo spirito è ancora quello di una start-up. Con i suoi 260 collaboratori, l’azienda sarebbe infatti snella ma produttiva e deve esserlo anche Climatex. La produzione avviene completamente in Svizzera e il settore tessile è caratterizzato da una forte concorrenza globale.

Obiettivi puntati sulla competitività

La Gessner AG riveste per conto del partner svizzero Lantal Textil le poltrone degli aerei o gli scompartimenti di treni, ma punta anche al settore automobilistico, notoriamente caratterizzato da una rigida gestione dei fornitori, e coopera strettamente con reparti per la produzione di veicoli elettrici di grandi gruppi automobilistici, per i quali la climatizzazione assume un’importanza sempre maggiore. E secondo Andreas Heydasch i tessuti di Climatex non soddisfano solo i criteri C2C, ma sono anche più leggeri di quelli della concorrenza e, grazie alle loro proprietà di regolazione della temperatura, sgravano anche l’impianto di climatizzazione. Ciò consente di risparmiare energia e aumentare l’autonomia.

Textilien von Climatex
Grazie alla vite tessile (collezione Dualcycle) è possibile combinare tra loro fibre naturali e artificiali, che possono essere separate completamente alla fine del ciclo di vita del prodotto. Questi tessuti sono utilizzati tra l’altro per rivestire mobili imbottiti nel settore automobilistico o dei trasporti.
© Gessner / Climatex

Climatex non intende posizionarsi nel ristretto segmento premium, bensì essere competitiva nel segmento di gamma medio-alta, con esigenze di funzionalità complete e certificazione Cradle to Cradle. Negli ultimi tempi questa aspirazione è stata sostenuta du uno sviluppo Climatex: la vite tessile del brevettato sistema Dualcycle. Questa tecnologia di collegamento consente di intrecciare fibre di lana e fibre sintetiche nonché di separarle completamente alla fine del ciclo di vita del prodotto. La lana può essere compostata e il poliammide può essere riciclato. Climatex ne trae vantaggi, poiché è possibile combinare tra loro due materiali importanti. Pur essendo costosa, la lana è irrinunciabile per il suo effetto climatizzante, mentre con le fibre sintetiche è possibile ad esempio ritardare efficacemente la fiamma e garantire una lunga durata di vita.

Premiate con i Red Dot Award: la sedia per ospiti giroflex 353, la sedia per conferenze giroflex 353 e la sedia per conferenze giroflex 656 sono state premiate nel 2014 con i rinomati Red Dot Award. Tutte tre adempiono le linee guida Cradle to Cradle.
© Stoll Giroflex

«Decisivo avere una visione d’insieme»

Secondo Norbert Egli, specialista di ecobilanci ed ecodesign della società di consulenza Tridee di Basilea, riuscire a mantenere basso il peso rispetto ai prodotti della concorrenza può essere una buona soluzione. Soprattutto nel settore dei beni mobili, come ad esempio i mezzi di trasporto, il peso è infatti un criterio decisivo per ridurre il carico ambientale totale. In questo modo si risparmiano energia ed emissioni di CO2 e altri inquinanti atmosferici. Sebbene l’esperto consideri decisivo il concetto di ciclo, ritiene tuttavia che il riciclaggio dei materiali non sia di per sé la migliore via da seguire. Piuttosto propende per cercare in modo mirato con l’ausilio di principi di ecodesign gli approcci che promettono un’effettiva riduzione del carico inquinante totale lungo l’intero ciclo di vita di un prodotto (cfr. Factbox 1).

Factbox

La questione metodologica chiave dell’ecobilanciamento

Secondo l’esperto Norbert Egli, al centro del dibattito sull’approccio più opportuno per strutturare i prodotti in modo rispettoso delle risorse e dell’ambiente vi è la questione metodologica chiave dell’ecobilanciamento: «Ottimizzare singoli aspetti di determinate fasi di vita di un prodotto conduce all’obiettivo?». La sua risposta: «Sì, ma solo se dopo aver valutato tutti gli aspetti ambientali è dimostrato che questi singoli aspetti sono realmente rilevanti per la ’performance ambientale complessiva’ del prodotto in questione». Alla luce di questi requisiti, un certificato C2C avrebbe un «valore ecologico» se in aggiunta venisse dimostrato che con il design di prodotto selezionato verrebbero realmente migliorati per l’intero ciclo di vita gli effetti ecologicamente rilevanti del prodotto. Tra questi vi sono, oltre alle caratteristiche del prodotto, anche gli effetti risultanti dall’estrazione delle materie prime, dalla fabbricazione, dall’uso, dal riciclaggio o dallo smaltimento del prodotto. A tal proposito, l’Ufficio federale dell’ambiente UFAM ha pubblicato nel 2011 il rapporto «Qualitätsanforderungen an Umweltinformationen – Herleitung, Definition und Anwendung auf die Berichterstattung zur Umweltbelastung von Konsum und Produktion» (non disponibile in italiano). Lo scopo è migliorare la qualità e la comparabilità delle informazioni ambientali e consentire una visione d’insieme affidabile. Il rapporto illustra inoltre come vengono riconosciuti i rilevanti effetti sull’ambiente e in quali situazioni decisionali è possibile influenzarli lungo il ciclo di vita di un prodotto.

Secondo il rappresentante di ecodesign Norbert Egli, gli approcci ecodesign e C2C si differenziano tra loro per il modo in cui si definisce su quali effetti e quali fasi di vita ci si basa. Secondo Michael Braungart, uno dei padri fondatori del movimento Cradle to Cradle, è semplicemente sbagliato produrre oggetti che contaminano la biosfera. Egli afferma: «Ai fini dell’efficacia dobbiamo chiederci in primo luogo qual è la cosa giusta da fare e poi farla» .E secondo Norbert Egli, l’approccio ecodesign non considera ad esempio la gestione in ciclo dei materiali «l’unica cosa giusta» per ogni prodotto. Altri effetti potrebbero inquinare l’ambiente in misura notevolmente maggiore.

Factbox

Mobili per ufficio di Stoll Giroflex in ciclo

Dal 2010 il fabbricante svizzero di mobili per ufficio Stoll Giroflex AG ha integrato progressivamente nell’azienda la filosofia Cradle to Cradle. Per quanto concerne i tessuti, uno dei suoi fornitori è Climatex. Giroflex fa notare che utilizzando mediamente per oltre dieci anni una sedia per ufficio si è costantemente in contatto con sostanze, materie plastiche e metalli. Per questo motivo l’azienda ha concepito tutti i materiali in modo che non contengano sostanze nocive. Inoltre non rilasciano gas. Secondo Giroflex, alla fine del periodo di utilizzo le sedie vengono smontate - ad esempio per smontare completamente la sedia giroflex 656 occorre circa un’ora - e i loro materiali vengono reimmessi nei rispettivi cicli.

 

Commenti

*
*
Viene pubblicato con il commento.
*
Viene pubblicato con il commento.
*
Viene pubblicata con il commento.
*
Non viene pubblicato.

* Leggete la nostra netiquette e i nostri principi redazionali. I vostri dati saranno memorizzati per 60 giorni su un server della Confederazione per consentirci di trattare le vostre opinioni.

Ultima modifica 24.07.2017

Inizio pagina

«Occorre privatizzare il profitto e il rischio»

Intervista con Michael Braungart, fondatore e responsabile scientifico dell’istituto di ricerca ambientale e di consulenza EPEA di Amburgo...  

https://www.gruenewirtschaft.admin.ch/content/grwi/it/pagina_iniziale/l-economia-verde-nella-pratica/Innovazioni-per-il-ciclo-dei-materiali.html